lunedì 17 ottobre 2011

La grande gioia - Pablo Neruda

Stavo preparando questo post circa due settimane fa, quando ho cominciato ad avere problemi con il lavoro. Non sto a raccontare tutto. Comunque, sto vivendo una situazione che mi addolora. La crisi non è una risposta sufficiente per essere trattati come "cose", spostati, utilizzati, presi per i fondelli......... Non sono l'unica lo so, e ci sono situazioni peggiori,  ma quanta amarezza....

La grande gioia


L'ombra che ho frugato ormai non mi appartiene.
Io ho la gioia duratura dell'albero,
l'eredità dei boschi, il vento del cammino
e un giorno deciso sotto la luce terrestre.
Non scrivo perchè altri libri mi imprigionino
nè per accaniti apprendisti di giglio,
bensì per semplici abitanti che chiedono
acqua e luna, elementi dell'ordine immutabile,
scuole, pane e vino, chitarre e arnesi.
Scrivo per il popolo per quanto non possa
leggere la mia poesia con i suoi occhi rurali.
Verrà il momento in cui una riga, l'aria
che sconvolse la mia vita, giungerà alle sue orecchie,
e allora il contadino alzerà gli occhi,
il minatore sorriderà rompendo le pietre,
l'operaio si pulirà la fronte,
il pescatore vedrà meglio il bagliore
di un pesce che palpitando gli brucerà le mani,
il meccanico, pulito, appena lavato, pieno
del profumo del sapone guarderà le mie poesie,
e queste gli diranno forse :"E' stato un compagno".
Questo è sufficiente: questa è la corona che voglio.

Voglio che all'uscita dalle fabbriche e miniere
stia la mia poesia attaccata alla terra,
all'aria, alla vittoria dell'uomo maltrattato.
Voglio che un giovane trovi nella scorza
che io forgiai con lentezza e con metalli
come  una cassa, aprendola, faccia a faccia, la vita,
e affondandovi l'anima tocchi le raffiche che fecero
la mia gioia, nell'altitudine della tempesta.

13 commenti:

Ale ha detto...

Che splendida FOTO. Ti auguro che un raggio di sole ti porti energia e serenità. Ho passato dei momenti di angoscia tremendi sul lavoro... e ti capisco molto bene.
Un abbraccio forte solo per TE.
Ale

Daffodils ha detto...

...il sole dentro che non si spegne mai, fai affidamento a lui nei momenti di tristezza.

ti mando un caldo abbraccio.

bluoso ha detto...

Cara Viola, un augurio sincero anche da me, stiamo soffrendo un po' tutti per vari motivi, questa nostra società del benavere sta mettendo a dura prova la pazienza della gente. Penso al senso della 'prova', così difficile da trovare, e mi fa male il solo pensiero che tanta violenza possa continuare ad esistere impunemente. Poesia e luce ci possano venire in aiuto. Ciao. Luigi.

Tomaso ha detto...

Bellissima foto cara Viola, poi il seguito forse non è necessario commentare... Poesia profonde e esemplare.
Grazie di arere condiviso.
Tomaso

Pia ha detto...

Stupenda questa poesia di Neruda, non l'avevo ancora incontrata! Mi dispiace per quello che stai passando. Quando a me capita di vivere situazioni di questo tipo, cerco sempre di trasformarle in un punto di forza a mio favore. Ad esempio, cercando di capire cosa ci può essere di positivo e cosa sto imparando che mi renderà più forte e consapevole. Un caro abbraccio!

tiziano ha detto...

TI AUGURO CHE IL SOLE CHE HAI IMMORTALATO NELLA SPLENDIDA FOTO POSSA DARTI SERENITA' E ILLUMINARE PER SEMPRE LA TUA VITA

TIZIANO

Stella ha detto...

Ciao, purtroppo quando al centro non c'e' l'uomo ma il guadagno siamo trattati come cose, è assurdo che il nostro secolo che è quello di maggior benessere è quello in cui maggiormente sentiamo il senso di povertà, io sono sempre più convinta che il nostro sistema economico sia sbagliato perchè è fondato sullo spreco e presto ne pagheremo il conto, ricchi o poveri che saremo.
Vivi serena e non lasciare he la rabbia ti entri dentro perchè i sentimenti negativi fanno male solo a chi li prova,.... mangia, prega (anche per i tuoi nemici) ama. A presto

Adriana ha detto...

La poesia è bellissima... le poesie ci aiutano a distrarci dalla realtà, che a volte fa male. In bocca al lupo per il tuo lavoro!

Ale ha detto...

Cara Viola, un saluto veloce per dimostrarti la mia amicizia...
Con un abbraccio,
Ale

cosimo ha detto...

Potrà mancare tutto, non il sole che è dentro noi. Mai!
Prendi per mano il tuo sole, tutti siamo capaci di farlo.
Un abbraccio.

viola ha detto...

Grazie a tutti per le vostre splendide parole cari amici passerò a ringraziarvi tutti personalmente :)))))

Ale ha detto...

Grazie, ti voglio bene. Ale

luisa ha detto...

ciao passo da te attraverso Ale, è molto bello il tuo blog,tutti questi fiori, le foto stupende e poi Neruda la mia passione! I problemi rimangono ma una poesia come questa ti riconcilia con la vita, forza!