mercoledì 23 maggio 2012

Allora felice io...



Sonetto 25

Coloro che hanno le stelle favorevoli
si vantino pure di pubblici onori e di magnifici titoli,
mentre io, cui la fortuna nega un simile trionfo,
gioisco, non visto, di ciò che più onoro.

I favoriti dei grandi principi schiudono i loro bei petali
come la calendula sotto l'occhio del sole,
e in loro stessi il loro orgoglio giace sepolto,
poiché, a un cipiglio, essi nella loro gloria muoiono.

Il provato guerriero, famoso per le sue gesta,
sconfitto che sia una volta pur dopo mille vittorie,
è radiato per sempre dal libro dell'onore,
e dimenticato è tutto ciò per cui si era impegnato.

Allora felice io, che amo e sono riamato
da chi non posso lasciare, né essere lasciato.


William Shakespeare


9 commenti:

Daffodils ha detto...

"Allora felice io, che amo e sono riamato da chi non posso lasciare, né essere lasciato"...bellissimo post Viola.

Pino Palumbo ha detto...

Che post Viola...poesia pura! "...mentre io,...gioisco, non visto, di ciò che più onoro." Ciao.

Gianna ha detto...

Post fiorito che non inganna!

Tomaso ha detto...

Cara Viola un post veramente poetico, ci sono tanti modi di fare poesia, e questo è un bel modo.
Tomaso

viola ha detto...

Ragazzi grazie dei complimenti ma qui ha fatto tutto il Sig. William !!!! :))un sorriso

Annamaria ha detto...

Davvero parole stupende e complimenti al Sig. William...ma anche a te che hai scelto di riportarle qui!
Abbracci!

zicin ha detto...

Bellissimi i versi, Viola, quanto i tuoi fiori.
Bel post.

cosimo ha detto...

Una lode all'amore infinito per l'eternità.

viola ha detto...

un bacio ad Annamaria, Zicin e Cosimo :)